Pomezia cambia

La casa di tutti

Attività di doposcuola al fine di migliorare il rendimento scolastico e ridurre il fenomento di dispersione scolastica

100%
Il progetto si propone di creare un luogo di studio e di incontro, rafforzando l'investimento educativo e culturale tramite attività  di doposcuola per i bambini delle scuole primarie dell'area di riferimento del P.L.U.S., area fortemente interessata da fenomeni di marginalità.

Le famiglie che qui ripiedono (si rileva anche un'alta presenza di immigrati) si trovano spesso in situazioni di difficoltà economica e sociale che comportano forti dinamiche di esclusione che inevitabilmente incidono sui bambini e sul loro rendimento scolastico.
Il progetto prevede, pertanto, una serie di azioni e attività mirate a fornire spazi e servizi di integrazione e crescita culturale.

Gli interventi si svolge anno in orario pomeridiano, quindi extra-scolastico, presso le nuove aule della biblioteca comunale di Pomezia e prevederanno attività di accoglienza e custodia, di studio, ma anche attività ludiche e ricreative, trasformando il tempo libero pomeridiano dei minori in un momento di crescita, ricco di esperienze significative di socializzazione e sensibilizzazione a modelli di vita "sani".

Attraverso attività interdisciplinari e multiculturali si potranno avvicinare gli alunni alla conoscenza delle proprie radici e delle altre culture.

La consapevolezza del valore delle proprie e delle altrui tradizioni svilupperà la capacità di riconoscere la ricchezza della diversità, favorendo un atteggiamento di accoglienza e una convivenza costruttiva.

La sfida sarà quella di trasmettere, anche attraverso il gioco e l'interazìone, la capacità di relazionarsi in modo positivo con i coetanei e gli insegnanti, favorendo la convivenza democratica nel rispetto di ogni persona e nel riconoscimento delle diverse identità culturali per la costruzione di un dialogo e di uno scambio collaboratìvo mirato al reciproco arricchimento.

Di riflesso verrà fornito un importante servizio in aiuto alle famiglie, specialmente a quelle in cui entrambi i genitori lavorano o presentano essi stessi delle difficoltà di scolarizzazione.

Il lavoro di rete sul territorio tra l'amministrazione locale, le scuole, le famiglie e il terzo settore (associazionismo, volontariato, cooperazione sociale) consentirà, inoltre, una maggiore partecipazione alla vita del quartiere e della propria città, traendo maggiore forza da processi di condivisione, dalla contaminazione tra persone, dall'interazione dei metodi e dei saperi, superando le contrapposizioni e le tradizionali divisioni.

Attraverso momenti di approfondimento dedicati alla storia locale, infine, si contribuirà a diffonderne la conoscenza e la corretta fruizione e si favorirà lo sviluppo della comunità e del senso di appartenenza al territorio, sviluppando la consapevolezza che il patrimonio è un'eredità comune e che, pertanto, ogni singolo cittadino è responsabile della sua conservazione e trasmissione al futuro.conservazione e trasmissione al futuro.


Inaugurazione "La Casa di Tutti" 13 novembre 2014




Aggiornamento attività 15.07.2015
  • Responsabile del procedimento: dr.ssa Katia Matteo


Aggiornamento 15.07.2015
Partecipazione di oltre 150 alunni
Foto e Video dell’Intervento